L’aumento dei flussi migratori da vari paesi con diverse etnie e culture ha creato una nuova realtà socio-culturale con nuovi bisogni, concetti e contesti. Pertanto è necessario mediare per superare il proprio etnocentrismo e maturare un atteggiamento di relatività culturale. L’educazione alla convivialità delle differenze è un percorso molto importante per riflettere su di sé, sugli altri, sugli stereotipi e sui pregiudizi.

Il Circolo Mediatori Culturali Linguistici ACLI risponde alle esigenze delle scuole ed enti pubblici con interventi e progetti mirati che hanno l’obiettivo di sostenere una pluralità di azioni rivolte e incentrate sulla collaborazione tra il territorio e il mondo della scuola. I progetti si propongono per:

  • favorire l’accoglienza e il positivo inserimento degli alunni e delle famiglie di migranti stranieri
  • favorire l’interazione tra culture sviluppando valori di rispetto e tolleranza verso la diversità culturale
  • prevenire i conflitti e le forme di bullismo
  • offrire pari opportunità
  • educare alla pace

Obiettivi:

  • presentare vari aspetti di altre culture
  • narrare, raccontare, proporre animazioni interculturali
  • fornire un’immagine positiva di un paese e di una cultura
  • sostenere percorsi di maturazione di capacità di dialogo, confronto, relazione.

PROGETTI INTERCULTURALI:

“DIPENDE DA CHE PUNTO GUARDIAMO IL MONDO”

Il Circolo Mediatori Culturali Linguistici ACLI risponde alle esigenze delle scuole e degli enti pubblici con interventi e progetti mirati che hanno l’obiettivo di sostenere una pluralità di azioni incentrate sulla collaborazione tra il territorio e il mondo della scuola.

I progetti si propongono per favorire l’accoglienza e il positivo inserimento degli alunni e delle famiglie di migranti stranieri, il successo formativo, l’inserimento sociale basati sui principi dell’educazione interculturale. Ma affrontano anche tematiche legate alla contemporaneità che già fanno parte del piano formativo di molti istituti ma che vengono affrontati da altri punti di vista e con l’esperienza diretta dei mediatori.

Per la realizzazione di questi laboratori, il Circolo Mediatori Culturali Linguistici ACLI si avvale della collaborazione di un’equipe di mediatori linguistici culturali, insegnanti di italiano L2 e formatori che realizzano le attività in una dimensione interculturale tenendo presenti sia le esigenze del minore straniero sia di quelle del gruppo classe nel quale è inserito. In questo modo, l’incontro non è più a senso unico e consente uno scambio reciproco di conoscenze e peculiarità che non si annullano ma si compensano e compenetrano all’insegna di una nuova ricchezza culturale.

Ogni percorso è articolato in originali moduli proposti dai nostri mediatori.
Il PDF completo con l’elenco dei progetti proposti per l’anno 2018-2019 è scaricabile qui: Tabella – Percorso culturale 2018-2019
Di seguito l’indice dei progetti culturali suddivisi per macro aree tematiche:

A CHI È RIVOLTA

Indipendentemente dalla presenza di stranieri nella scuola/classe, gli interventi della mediazione culturale sono rivolti alle classi di ogni grado di scuola presso tutti gli istituti scolastici italiani.

E’ IMPORTANTE CHE L’EDUCAZIONE INTERCULTURALE VENGA SVILUPPATA ANCHE NELLE CLASSI IN CUI NON CI SONO ALUNNI STRANIERI.

SVILUPPO DELL’INTERVENTO

SCUOLA/GRUPPO CLASSE

Il mediatore interviene per far conoscere alla classe, grazie alla sua particolare esperienza, il suo Paese con lezioni interattive e di laboratorio. Questo intervento può essere richiesto come momento di conoscenza del Paese di origine di un componente della classe o come approfondimento di tematiche interculturali.

Nota bene: Per le scuole, che hanno a disposizione ampi pacchetti di ore e che sono interessate a progetti con tematiche più approfondite, è possibile richiedere proposte personalizzate a seconda delle loro esigenze.

Prima dell’intervento è prevista la programmazione da svolgere fra mediatore e insegnanti, per analizzare e pianificare la mediazione.

Episodi della mediazione culturale dal titolo “Le calze dei fenicotteri”, svolta dal mediatore colombiano Saul Solorzano Roldan presso la Scuola dell’Infanzia di Treppo Carnico (UD) a.s. 2015/2016.

MODULISTICA

Desideri richiedere un intervento di mediazione culturale? Ogni intervento è articolato in modo diverso e personalizzato, proposto dai nostri mediatori.

Contattaci oppure scarica e compila il seguente modulo di richiesta per l’intervento di mediazione culturale: